Cinque passaggi per creare un piano di marketing

Cinque passaggi per creare un piano di marketing
Mentre il piano aziendale delinea generalmente l'intera attività, un piano di marketing autonomo si concentra in modo specifico e in modo più dettagliato su una sola funzione. Quando gli imprenditori vogliono approfondire la loro strategia di marketing, probabilmente metteranno insieme un piano dettagliato che delinei i loro obiettivi di marketing e i passi necessari per raggiungerli.

Mentre il piano aziendale delinea generalmente l'intera attività, un piano di marketing autonomo si concentra in modo specifico e in modo più dettagliato su una sola funzione. Quando gli imprenditori vogliono approfondire la loro strategia di marketing, probabilmente metteranno insieme un piano dettagliato che delinei i loro obiettivi di marketing e i passi necessari per raggiungerli.

I componenti standard di un piano di marketing efficace possono variare a seconda di chi chiedi. Ecco la mia procedura consigliata in cinque fasi per lo sviluppo di un piano di marketing che ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi per la crescita del business.

Fase uno: guardare dentro.

Pensa alla tua azienda come se fosse una persona con una personalità e un'identità uniche. Con questo in mente, crea elenchi separati che identificano i punti di forza, i punti deboli e gli obiettivi della tua azienda. Metti tutto giù e crea grandi liste. Non modificare o rifiutare nulla.

Quindi, trova le priorità tra i punti elenco. Se hai fatto bene, avrai più di quello che puoi usare, e alcuni più importanti di altri. Elimina alcuni dei proiettili meno importanti dalla lista e sposta quelli importanti in cima.

Ciò a volte richiede l'input anche dai tuoi manager. Ad esempio, il tuo team di gestione ritiene che essere prudenti riguardo alla spesa sia un punto debole, ma non lo fai. Potrebbe essere qualcosa da lasciare fuori dalla lista.

Correlati: Guy Kawasaki su come scrivere una dichiarazione di missione effettiva

Secondo passo: guardare verso l'esterno.

Il prossimo elenco di cui avrai bisogno per delineare le opportunità e le minacce della tua azienda. Pensa sia come esterno al tuo business - fattori che non puoi controllare ma puoi provare a prevedere. Le opportunità possono includere nuovi mercati, nuovi prodotti e tendenze che favoriscono la tua attività. Le minacce includono la concorrenza e i progressi tecnologici che ti mettono in una posizione di svantaggio.

Crea anche un elenco di persone o organizzazioni inventate che servono da acquirenti ideali o il tuo target di mercato ideale. Puoi considerare ognuno di essi come una persona, come una nonna che scopre un'email o uno studente universitario che riceve la sua prima carta di credito. Queste persone sono iconiche e ideali e rappresentano il miglior acquirente possibile.

Mettiti al posto di ciascuno di questi acquirenti ideali e poi pensa a quali mezzi lui o lei utilizza e quale messaggio comunicherà la tua offerta in modo più efficace. Mantieni la tua identità nella parte posteriore della tua mente mentre sviluppi i tuoi mercati target.

Terzo passaggio: concentrarsi sulla strategia.

Ora è il momento di mettere insieme le tue liste. Cerca l'intersezione tra la tua identità unica e il tuo mercato di riferimento. In termini di offerte di lavoro, cosa potresti eliminare dall'elenco perché non è strategico? Quindi pensa a far cadere quelli che non sono nel tuo mercato di riferimento.

Ad esempio, un'azienda di ristorazione concentrata su cibi sani, biologici e raffinati probabilmente si rivolge a persone più in sintonia con i trend verdi e con un reddito disponibile superiore alla media.Quindi, potrebbe escludere le persone che preferiscono mangiare fast food come hamburger e pizza e che cercano occasioni.

Il risultato del terzo passaggio è la strategia: restringere l'attenzione a ciò che è più in linea con la tua identità e più attraente per il tuo mercato di riferimento. In altre parole, concentrati sull'area che è condivisa da tutte e tre le linee nel diagramma qui.

Correlati: Creazione di una proposta di vendita unica

Fase quattro: impostare misure misurabili.

Leggi i dettagli che sono concreti e misurabili. La tua strategia di marketing dovrebbe diventare un piano che include revisione mensile, monitoraggio e misurazione, previsioni di vendita, budget di spesa e metriche non monetarie per il monitoraggio dei progressi. Questi possono includere lead, presentazioni, telefonate, link, post di blog, visualizzazioni di pagina, tassi di conversione, proposte e viaggi, tra gli altri.

Far corrispondere compiti importanti alle persone della tua squadra e tenerli responsabili dei loro successi e insuccessi.

Passaggio cinque: rivedere spesso e rivedere.

Proprio come nel tuo piano aziendale, il tuo piano di marketing dovrebbe continuare ad evolversi insieme alla tua attività. Le tue supposizioni cambieranno, quindi adattati al panorama del business in continua evoluzione. Alcune parti del piano funzioneranno anche meglio di altre, quindi revisionate e modificate per adattarvi a ciò che imparate mentre andate.

Correlati: Cinque segni hai bisogno di un makeover di marketing